giovedì 28 ottobre 2021

Sport, il doodle di Google celebra Kano Jigoro, papà del judo

Il doodle interattivo di Google per la ricorrenza della nascita di Kano Jigoro, il papà del judo. Nato in Giappone il 28 ottobre 1860, fondò questa disciplina sportiva e fu il primo componente del Comitato Olimpico Internazionale Asiatico. 



Con il doodle di oggi Google celebra il professor Kanō Jigorō in occasione del suo 161° compleanno. Sportivo e insegnante di educazione fisica è considerato il fondatore del judo. Fu il primo componente asiatico ad entrare nel Cio nel 1909. Il nome judo significa "via gentile" ed è una disciplina sportiva basata su principi come giustizia, cortesia, sicurezza e modestia.

Kanō Jigorō nacque il 28 ottobre 1860 a Mikage, un villaggio di mare vicino a Kōbe, in Giappone. Amante delle arti marziali, Jigoro inventò il Judo, che trae le sue origini da un’arte marziale più antica, il jujitsu, disciplina molto praticata nel periodo feudale in Giappone, e della quale iniziò a dedicarsi sotto la guida di un ex samurai.

L'idea del judo gli venne durante un incontro nel quale Kanō Jigorō usò una mossa di arti marziali occidentali per mandare al tappeto un avversario molto più prestante di lui. Così pensò di eliminare le tecniche più pericolose del jujutsu, creando di fatto il "judo", uno sport sicuro e cooperativo basato sulla filosofia personale del "massimo uso efficiente dell'energia" (Seiryoku-Zeny) e della "reciproca prosperità di sé e degli altri" (Jita-Kyoei) i cui principi ritroviamo espressi dalle parole stesse del suo fondatore.

"Sarei felice di vedere applicati in futuro i principi del judo a tutte le forme di comportamento umano e di sapere che su tale argomento vengono condotte delle ricerche".

"La via inizia con il dare e prosegue nello stare insieme per crescere e progredire"

"La collaborazione tra l'allievo e  l'insegnante e tra i praticanti durante lo studio delle tecniche, va in una direzione che, attraverso il reciproco aiuto ed il mutuo rispetto, porta al miglioramento delle capacità di relazioni personali, sociali e morali; questo, se assimilato interiormente, può essere applicato anche nella società in cui viviamo, migliorandola".

La prima palestra di addestramento di judo moderno, il dojo, fu organizzata da Jigoro Kano secondo i principi dell’atletica modificando le regole originali per permettere di atterrare e combattere corpo a corpo sul tappeto, mentre è vietato colpire o calciare il proprio avversario. Di sicuro il judo è lo sport giapponese più popolare all’estero. Dal 1964 è stato introdotto come disciplina olimpica maschile e in seguito anche per le donne. Oggi sono circa 5 milioni i judo-ka in tutto il mondo.

Nessun commento:

Posta un commento

Caffè espresso italiano: al via la candidatura a patrimonio Unesco

Il Ministero delle Politiche agricole e Forestali ha approvato all’unanimità la candidatura del caffè espresso italiano a patrimonio immater...