sabato 9 novembre 2019

Scienza, il DNA dalle ossa svela migrazioni e diversità nella Roma antica

Uno studio di un gruppo di ricerca del Servizio di Bioarcheologia del Museo delle Civiltà ha svelato l'ampia diversità genetica già al tempo delle origini di Roma, con individui aventi antenati provenienti da Nord Africa, Vicino Oriente e regioni del Mediterraneo europeo.

Edward Bruce, The Appian Way, 1929 



Migrazioni, diversità e inclusività hanno caratterizzato la millenaria storia di Roma e del suo territorio circostante. Questo è quanto emerge dalla ricostruzione genetico-storica, appena pubblicata sulla prestigiosa rivista Science, a cui hanno partecipato i ricercatori del Servizio di Bioarcheologia del Museo delle Civiltà.

Lo studio è stato condotto da un team internazionale composto da genetisti, bioinformatici, antropologi, archeologi e storici, coordinato da ricercatori dell'Università di Stanford, dell'Università di Vienna e della Sapienza Università di Roma. I dati del DNA antico, su 127 individui da 29 siti archeologici, hanno permesso di descrivere l'origine, i flussi migratori e i cambiamenti – degli antichi Romani e degli abitanti delle regioni italiane limitrofe – nel corso degli ultimi 12.000 anni sino all'epoca moderna. Si è ottenuto un quadro che racconta il divenire della Città Eterna da una nuova prospettiva, confermando ma soprattutto arricchendo quanto avevamo appreso dalle fonti, dagli archivi e dalle ricerche archeologiche.

I risultati dall'analisi dei campioni più antichi concordano con quanto già osservato in molte altre regioni europee: circa 8000 anni fa l’area, già popolata da cacciatori-raccoglitori, si arricchisce della presenza di agricoltori di origine mediorientale; successivamente, tra 5.000 e 3.000 anni fa, vede l’arrivo di popolazioni dalla steppa ucraina.

Con la nascita di Roma e il costituirsi dell’Impero Romano, la variabilità genetica cambia e incrementa ulteriormente. Per questo momento, il DNA “legge” arrivi dai diversi territori dell’impero, con una predominanza dalle aree mediterranee e soprattutto dal Vicino Oriente. Gli eventi storici segnati dalla scissione dell’Impero prima e dalla nascita del Sacro Romano Impero comportano un afflusso di ascendenza dall'Europa centrale e settentrionale.

"L'analisi del DNA ha rivelato che, mentre l'Impero Romano si espandeva nel Mar Mediterraneo, immigranti dal Vicino Oriente, Europa e Nord Africa si sono stabiliti a Roma, cambiando sensibilmente il volto di una delle prime grandi città del mondo antico”, riporta Pritchard, membro di Stanford Bio-X.

“Non ci aspettavamo di trovare una così ampia diversità genetica già al tempo delle origini di Roma, con individui aventi antenati provenienti dal Nord Africa, dal Vicino Oriente e dalle regioni del Mediterraneo europeo", aggiunge Ron Pinhasi, professore di Antropologia Evolutiva all'Università di Vienna e uno dei senior authors insieme a Jonathan Pritchard, professore di Genetica e Biologia all’Università di Stanford e ad Alfredo Coppa, professore di Antropologia Fisica della Sapienza Università di Roma.

"Per la prima volta uno studio di così grande portata è applicato alla capitale di uno dei i più grandi imperi dell'antichità, Roma, svelando aspetti sconosciuti di una grande civiltà classica", dichiara Alfredo Coppa.

"Assistiamo al coronamento di 30 anni di ricerche del Museo sull'antropologia dei Romani e un nuovo tassello si è aggiunto alla comprensione di quella società così complessa ma per molti versi ancora così misteriosa" aggiungono Alessandra Sperduti e Luca Bondioli del Museo delle Civiltà di Roma.

Lo studio su Roma è stato affrontato con le più moderne tecnologie per il DNA antico che questo gruppo di ricerca utilizza da oltre un decennio, allo scopo di chiarire dettagli non leggibili nel record storico, ha affermato Pritchard. "I documenti storici e archeologici ci raccontano molto sulla storia politica e sui contatti di vario genere con luoghi diversi – ad esempio commercio e schiavitù – ma quei documenti forniscono informazioni limitate sulla composizione genetica della popolazione". “I dati sul DNA antico costituiscono una nuova fonte di informazioni che rispecchia molto bene la storia sociale di individui di Roma nel tempo", afferma Ron Pinhasi. "Nel nostro studio ci siamo avvalsi della collaborazione e del supporto di un gran numero di archeologi e antropologi che, aprendo per noi i loro archivi, ci hanno permesso di inquadrare e interpretare meglio i risultati ", aggiunge Alfredo Coppa.

"Ora è il tempo di affrontare nuovi studi che guardino entro l'Impero Romano all'interazione di gruppi di diversa estrazione sociale, includendo non solo i movimenti di specifici popolazioni da regioni diverse ma anche la mobilità sociale sia nelle provincie sia al centro" dice Ron Pinhasi. "E, inoltre, a meglio comprendere le relazioni con i popoli pre-romani dell'Italia" aggiunge Alfredo Coppa.

Nessun commento:

Posta un commento

Musica, i Concerti di primavera-estate dell'Orchestra Rai

Dal 9 aprile al 1° luglio in diretta su Radio 3 e in live streaming sul portale di Rai Cultura. Molte serate anche su Rai 5. Grandi direttor...