giovedì 4 aprile 2019

Il bosco che suona, nella Val di Fiemme gli abeti caduti rinascono con i violini Stradivari

Con il maltempo gli abeti caduti nella valle dell'armonia rinascono con i violini Stradivari. Ed è nuovo allarme della Protezione civile sui boschi sopravvissuti alla tempesta Vaia dello scorso anno.


Il legno degli abeti rossi della Val di Fiemme custodisce l’antico segreto della fabbricazione di violini perfetti: maestri liutai, tra cui i celeberrimi Stradivari, si recavano fin qui da Cremona per acquistare i legni più pregiati e poi trasformarli in strumenti musicali di rara perfezione.


Mentre scatta il nuovo allarme della Protezione civile per frane e bufere in Veneto, dagli abeti della Val di Fiemme abbattuti dalla tempesta di pioggia e vento nasceranno i futuri violini di Stradivari con 2,5 tonnellate di tavole di pregiato legno di risonanza che saranno affidate alla Scuola Internazionale di Liuteria “Antonio Stradivari” di Cremona per creare violini, viole, violoncelli e contrabbassi sulla scia di una tradizione secolare conosciuta in tutto il mondo.

Il bosco che suona cresce nelle foreste della Val di Fiemme, la valle dell'armonia. Le colonne portanti di questo tempio della musica a cielo aperto sono appunto gli abeti rossi che per le loro straordinarie caratteristiche acustiche sono ricercati per realizzare le tavole armoniche di organi, pianoforti, violini, viole e altri strumenti a corda.

Ma i boschi della musica della Val di Fiemme, come fa notare Federforeste, sono in allerta per il maltempo e si monitora lo stato di salute degli alberi rimasti in piedi insieme alla situazione dei tronchi scaraventati al suolo dalla furia della tempesta Vaia a novembre dello scorso anno che torneranno a vivere grazie ai violini.

Il legno della Val Di Fiemme è solo una parte dell’enorme patrimonio boschivo che secondo la Coldiretti copre per più di un terzo la superficie italiana con 12 miliardi di alberi troppo spesso abbandonati a se stessi per l’abbandono dei terreni di montagna e la mancata gestione delle foreste in un Paese come l’Italia che utilizza solo il 30% dell’incremento annuo dei boschi contro una media europea superiore al 55%.  E se l’industria italiana del legno è la prima nella UE, la materia che utilizza arriva però da altri Paesi come Austria, Francia, Svizzera e Germania tanto che ormai la maggior parte dei mobili venduti in Italia è fatta con assi straniere senza che il consumatore lo sappia.

Come avviene con il cibo che mettiamo nel piatto è necessario arrivare a un’etichetta d’origine anche per il legno perché dietro a ogni tavola utilizzata vive un mondo fatto di territori e persone con un’intera filiera composta da agricoltori boscaioli, segherie, trasportatori, industrie e artigiani. Gli stessi violini di Stradivari non esisterebbero e non avrebbero le loro esclusive proprietà musicali senza il legno di questi particolari abeti.

Il prezioso legname per i liutai di Cremona, messo a disposizione in collaborazione con la Provincia Autonoma di Trento e Comune di Salò, sarà usato dopo una stagionatura di tre anni in modo che perda l’umidità accumulata all’aperto e le sue fibre esprimano al meglio il passaggio delle note e delle vibrazioni.

Nessun commento:

Posta un commento

Ambiente, Unione Europea: dal 20121 addio alla plastica monouso

Approvata in via definitiva da parte del Consiglio dell’Unione Europea la nuova direttiva che impone agli Stati membri di vietare l’uso di u...